Alfa Romeo C42: il cambio sarà quello della Ferrari F1-75 anche se continua il suo processo di indipendenza tecnica

Piergiuseppe Donadoni
3 Feb, 2022

Alfa Romeo C42: il cambio sarà quello della Ferrari F1-75 anche se continua il suo processo di indipendenza tecnica 

James Allison (Mercedes) crede di non aver mai visto una rivoluzione dei regolamenti tecnici cosi importante come quella che inizierà a breve, grazie alla presentazione delle nuove vetture Domani sarà il turno di Haas, mercoledì prossimo quello di Red Bull il 9, il giorno successivo Aston Martin; per Ferrari bisognerà aspettare il 17 mentre Mercedes svelerà la sua W13 il giorno successivo.

Vedremo vetture completamente diverse, riprogettate nell’aerodinamica e nella meccanica, con power unit adattate alla nuova benzina che porterà l’etanolo dal 5 e rotto % della passata stagione al 10%. Vetture più veloci sul dritto e con meno resistenza all’avanzamento, più veloci nel veloce e più lente nel lento.

Esempio di vettura 2022 – Illustrazione Rosario Giuliana

Classificazione dei componenti 2022: ecco le quattro nuove categorie

Non solo un regolamento tutto nuovo e ancora interamente da scoprire, bensì anche una diversa nomenclatura con cui familiarizzare, come quella della designazione dei componenti.

Le parti “elencate” e “non elencate” sono state sostituite con altre quattro designazioni: componenti elencati (LTC), trasferibili (TRC), di fornitura standard (SSC) e open source (OSC).

Nella categoria LTC sono presenti quei componenti la cui progettazione, produzione e proprietà intellettuale è di proprietà del singolo team. Pezzi prodotti anche esternamente su commissione della squadra, purché siano “su base esclusiva”. È ovviamente possibile utilizzare sotto-componenti che si trovano normalmente in commercio e quindi disponibili per tutte le squadre. Tra gli altri, ne fanno parte i componenti aerodinamici di una vettura, la scocca e la struttura di impatto frontale.

Si passa poi ai componenti TRC, trasferibili, ossia quei componenti di cui le squadre detengono la proprietà intellettuale ma possono comunque fornirli ad altri team. È la macro area di componenti più importante per i team minori che possono far affidamento sui top team. Ferrari, nel caso di Haas e Alfa Romeo, Red Bull, nel caso di Alpha Tauri, e Mercedes, nel caso di Aston Martin, Williams e McLaren.

I componenti di fornitura standard (SSC) sono quelli progettati e prodotte da un fornitore designato dalla FIA che ha vinto una gara di appalto. Chiaramente queste parti non possono essere modificate dai concorrenti. Nella prossima stagione, tra gli altri, faranno il loro ingresso in questa categoria i cerchi, che verranno prodotti dalla società tedesca BBS, e i copricerchi. Altri SSC già utilizzati nelle passate stagioni sono il flussometro, pompa del carburante, centralina ECU, accelerometro intraoculare e altri.

Infine, ci sono i componenti Open Source (OSC) ossia quelli il ​​cui design e la cui proprietà intellettuale è resa disponibile a tutti i team. Questi componenti, al contrario degli SSC, possono essere modificati dai team per adattarli ai propri progetti. Modifiche che dovranno essere condivise con tutti gli altri team, cosi come eventuali problemi che dovessero presentarsi. Per concludere, questa macro categoria può essere indirettamente inglobata all’interno dei componenti trasferibili poiché un OSC modificato da Ferrari può essere fornito dal team italiano, per esempio, ad Haas.  Ne fanno parte molti macro componenti come i pedali, il DRS, il piantone dello sterzo, il volante, il sistema che permette al pilota di bere e molto altro.

Haas VF-22: verrà sfruttato il massimo supporto tecnico da Ferrari

Poco più di 12 mesi fa, a Maranello è stato deciso di voltar pagina, privilegiando il rapporto con Haas rispetto a quello storico con Hinwil. In termini soprattutto di sinergie e di collaborazione tecnica.

Si è creato un vero e proprio “Customer Technical Office”, un dipartimento in quel di Maranello – seppur distaccato dalla GeS come vuole il regolamento – di progettazione e sviluppo telaio, che serve direttamente Haas come fornitore.

Il team americano, anche in questa stagione di discontinuità tecnica, farà uso del massimo supporto tecnico da Ferrari consentito dal regolamento.

Il cambio accoppiato alla struttura di impatto posteriore, le sospensioni anteriori e posteriori (tranne le protezioni aerodinamiche, escluse dai TRC nel 2022), i mozzi ruota all’interno del cerchio, i sistemi idraulici e naturalmente la nuova Power Unit, dotata dell’aggiornamento ERS mai usato dai team clienti nel 2021, verranno utilizzati sulla VF-22. Con lo staff di Simone Resta che si è potuto concentrare cosi in maniera massiccia su telaio, parti minori e soprattutto soluzioni aerodinamiche.

Alfa Romeo C42: il cambio sarà Ferrari, l’involucro esterno e la sospensione posteriore no

Discorso invece molto diverso per Alfa Romeo, leggersi Sauber. Il 2021 è divenuto chiaramente uno spartiacque per il binomio FCA (Alfa Romeo) – Sauber, non solo tecnico ma anche e soprattutto economico. Molti meno soldi investiti, un sedile perso (quello di Giovinazzi) e un team svizzero molto vicino alla cessione (ad Andretti).

Se Haas sfrutterà il massimo supporto tecnico da Ferrari, Alfa Romeo continuerà il suo processo di ‘indipendenza’ da Ferrari, per divenire il più possibile Costruttore. Una scelta non solo tecnica ma anche strategica in vista di una possibile futura vendita del team. Mostrare una struttura capace di produrre il più possibile in modo indipendente, aumenta il valore e l’appetibilità di un team.

Dopo aver lavorato in piena indipendenza sull’anteriore e sui layout di raffreddamento delle PU Ferrari nelle loro ultime vetture, il team svizzero ha portato questa filosofia anche sul posteriore della prossima C42.

Si è infatti optato per sviluppare una propria specifica di sospensione posteriore, senza utilizzare quella ‘trasferibile’ da Ferrari come fatto invece sulla precedenti vetture o da Haas stessa. Per far ciò, ad Hinwil hanno dovuto progettare un diverso involucro esterno che avvolge la trasmissione cosi da avere la libertà di scegliere gli ancoraggi e di conseguenza utilizzare una diversa geometria dei cinematismi sospensivi.

La trasmissione vera e propria, situata all’interno dell’involucro esterno e protetta da una seconda copertura (interna), sarà invece a tutti gli effetti quella utilizzata sulla Ferrari F1-75.

Alfa Romeo presenterà ufficialmente la sua C42 il 27/02, quindi successivamente ai primi test del Montmelo. Con un evento online che inizierà alle 9 ora italiana verrà svelata la nuova arma di Valtteri Bottas e Guanyu Zhou.

Autore: Piergiuseppe Donadoni

Illustrazioni: Rosario Giuliana