Aston Martin, Alonso: “Imola come test per cercare la direzione giusta”

Adam Cooper
20/05/2024

Fernando Alonso ammette che il GP dell’Emilia Romagna si è trasformato in una sessione di test per il suo team Aston Martin dopo che ogni possibilità di fare progressi non si è concretizzata. Dopo una caduta nelle FP3 e una difficile sessione di Q1, Alonso si è qualificato 19° a Imola. Con poco da perdere la squadra ha quindi deciso di infrangere il parco chiuso e di modificargli l’assetto, obbligandolo a partire dalla pitlane.In un’ulteriore scommessa è partito con le gomme morbide sfavorevoli in previsione di poter beneficiare di una prima safety car. La gara però non è mai stata interrotta a e dopo una sosta anticipata per abbandonare la morbida Alonso ha concluso 19esimo e ultimo delle vetture ancora in corsa.

L’assenza di Safety Car ha cancellato le possibilità di rimonta di Alonso, che ha usato la gara come un test

“La nostra unica speranza, a dire il vero, era solo una safety car, o qualche safety car, bandiere rosse o cose del genere”, ha detto. “Ecco perché abbiamo iniziato con la gomma rossa, nel caso ci fosse qualcosa che non va. Avevamo ancora la gomma gialla e quella dura, le migliori gomme da gara per le condizioni di gara. Ma siamo partiti nelle retrovie, non è successo nulla per tutta la gara, quindi abbiamo usato la gara solo come test”. Ha aggiunto: “Era come previsto. Purtroppo in questa gara si spera solo in una safety car, in una bandiera rossa o in qualcosa che possa mescolare un po’ la gara. Non è successo, quindi è stato un po’ noioso stare dietro, sempre nel traffico, provando diverse strategie, molteplici soste ai box, tutto questo genere di cose, per ottenere alcuni dati per la squadra. Ma per il pilota non c’è molto che puoi fare.”

Ha avuto anche un momento interessante quando il suo freno anteriore sinistro ha preso fuoco mentre lasciava i box. Ero convinto che l’incendio si sarebbe fermato non appena avrei aumentato la velocità, e la ventilazione gioca la sua parte”, ha detto. “Ma questa è la corsia box più lunga finché non si rilascia il limitatore dei box! Quindi mi è sembrato lungo in macchina , ma penso che sia andato tutto bene.” Alonso si è riservato un giudizio sul pacchetto di upgrade che la squadra ha corso per la prima volta a Imola. “Penso che abbiamo sperimentato molto nelle FP1, nelle FP2 con la macchina di Lance con pacchetti diversi. Le FP3 sono state un altro esperimento. Un altro adesso in gara, cogliendo l’opportunità sulla mia macchina di partire dalla pit lane. Quindi penso che sia presto per trarre conclusioni. E penso che sia una domanda per la squadra, con tutti i dati che hanno daranno informazioni più precise.”

Ha anche detto che è difficile giudicare se le modifiche all’assetto apportate domenica abbiano effettivamente migliorato la vettura. “A dire il vero, la macchina mi è sembrata simile rispetto al resto del fine settimana,” ha detto. “Ma ovviamente il team ha tutti i sensori, tutti gli strumenti per analizzare meglio le prestazioni della vettura, quindi dobbiamo aspettare e vedere cosa dicono i numeri e se troviamo una direzione per le prossime gare.” Alonso ha ammesso che le ultime settimane sono state difficili per l’Aston Martin poiché i rivali continuano a migliorare. “Siamo consapevoli della situazione e vediamo che le prime tre squadre sono un po’ lontane in questo momento”, ha detto. E anche VCARB, Daniel [Ricciardo] era quarto nella gara sprint di Miami, Yuki [ Tsunoda] è stato molto veloce questo fine settimana.”

“Quindi dobbiamo continuare a lavorare, perché tutto è così serrato se non migliori quei due o tre decimi che naturalmente devi migliorare ogni due o tre Gran Premi quando sei a centro gruppo. Riguardo alle prospettive per la prossima gara ha detto:Dipende dalla macchina. Se la vettura non si comporta bene a Monaco, andare forte su quella pista è una tortura. Quindi penso che prima di tutto dobbiamo impostare correttamente la vettura. Dobbiamo trovare la massima prestazione e dobbiamo concentrarci su sabato. Penso che domenica sia come qui, nessuno sorpasserà. Quindi tutto lo sforzo sarà sabato, come tutti gli altri, e sì, speriamo che il giro perfetto arrivi il prossimo fine settimana”.

Autore