Ferrari: nuovo ibrido e penalità per Leclerc. Sainz sfiderà RedBull?

Paolo D’Alessandro
25 Ago, 2022

La rincorsa ai titoli mondiali Piloti e Costruttori per Ferrari riparte da SPA e lo fa in circostanze particolari. La Scuderia di Maranello spera di poter riuscire a recuperare punti sulla Red Bull sin da questo primo appuntamento post pausa estiva, ma il team è consapevole fin dalla vigilia che il loro weekend sarà condizionato dalle penalità. La settimana di preparazione alla gara ha visto la Scuderia impegnata non solo nelle decisioni tecniche sul setup, ma anche in quelle strategiche per quanto concerne le rotazioni dei motori e l’utilizzo di nuovi elementi.

SPA importante banco di prova per le Power Unit Ferrari

Alla vigilia del GP di Belgio, a presentare l’appuntamento per la Ferrari è stato Luigi Fraboni, responsabile delle operazione Power Unit e dell’elettronica. Una scelta forse non casuale viste le caratteristiche della pista. “Insieme a Monza, SPA è la pista in cui la potenza del motore fa maggiore differenza sul tempo nel giro. Inoltre è circuito molto severo per l’affidabilità dei motori. Qui normalmente si corrono i maggiori chilometraggi della stagione; ci sono rettilinei molto lunghi tanto da richiedere, di solito, un’omologazione specifica nei test di durata al banco”. Non è un mistero che l’affidabilità sia uno dei punti deboli della F1-75, in particolare proprio delle sue unità motrici, come confermato dallo stesso Mattia Binotto, che però ha anche parlato di una maggiore tranquillità dopo gli ultimi problemi.

La risoluzione definitiva avverrà col tempo, con processi che sono impossibili da terminare a stagione in corso, ma il TP del cavallino ha parlato di come Ferrari abbia compreso il problema e possa quindi “gestirlo, potendo così affrontare le gare con più tranquillità e sicurezza”. Possibili soluzioni potrebbero arrivare già in questa stagione come ha fatto intendere Binotto quando, dopo la Francia, gli è stato chiesto se la nuova Power Unit di Carlos Sainz avesse già alcuni correttivi, rispondendo “Non su questo”.

In Ferrari sono impegnati nella conta dei motori a disposizione e per questo motivo, come avevamo previsto, gli ingegneri sono pronti a far scontare un’altra penalità a Charles Leclerc in Belgio, così da aumentare il numero di unità a disposizione del monegasco, ma anche – e soprattutto – dotarlo delle ultime novità su cui a Maranello hanno lavorato fino all’ultimo momento. Stiamo ovviamente parlando del nuovo ibrido che Ferrari aveva già deciso di introdurre “il più tardi possibile”

Penalità e nuovo ibrido per Leclerc, Sainz ‘libero’ di gareggiare.

Si è discusso molto prima, durante e lo si farà anche dopo la sosta sicuramente, della decisione di Ferrari di non adottare ancora ordini di scuderia. Mattia Binotto ha sempre parlato della libertà concessa ai piloti in pista, ammettendo però che arriverà un momento in cui il team – e in particolar modo lui – dovrà prendere delle decisione e si aspetta che i piloti poi rispettino tale scelta. Se sarà Belgio il momento lo vedremo, fatto sta che Carlos Sainz ha legittimamente il desiderio di giocarsela finché possibile e questo sarà un aiuto anche per Charles Leclerc.

In Ferrari sono ancora in corso le decisioni finali sulle delibere delle unità motrici, tuttavia a quanto appreso solamente Charles Leclerc prenderà penalità a SPA, partendo dal fondo, godendo però di un motore fresco e soprattutto dell’ibrido aggiornato. MGU-K e Batteria evolute. Questa parte delle Power Unit sta attirando la curiosità di molti, non solo per il Cavallino Rampante, ma anche verso gli altri team, poiché la maggior parte dei motoristi sono pronti a montare qui l’ultimo aggiornamento motoristico concesso dal regolamento (eccezzion fatta per affidabilità) prima del congelamento completo fino al 2026. Infatti se per Mercedes è quasi certo l’utilizzo del motore evoluto, su Red Bull c’è ancora un po’ di riserbo sul se ed eventualmente chi monterà l’ultima evoluzione del motore Honda.

Carlos Sainz ha montato un motore nuovo in Francia, dopo il grosso incendio dell’Austria, mentre Charles Leclerc ha avuto le sue due ultime PU in Canada, preparandosi poi ad andare in penalità in Belgio, anche con una gestione strategica per quanto riguarda gli scarichi (Ex). In SPA quindi la Ferrari si prepara a rinfoltire il pool motori di Leclerc – i piani prevedono il debutto degli aggiornamenti al Venerdì e poi gli altri componenti nuovi al Sabato, per un motore completamente nuovo – puntando ad una gara in rimonta, mentre toccherà a Carlos Sainz provare ad ottenere il massimo dalla F1-75 e, se possibile, vincere o quanto meno disturbare la Red Bull in ottica campionato.

Per quanto riguarda lo spagnolo, ricordiamo come da quest’anno, con i cambiamenti decisi durante la stagione, tutti i team possono – come fatto in Ungheria da Red Bull con Max Verstappen dopo il problema al motore patito in Qualificasostituire componenti dei motori anche in regime di parco chiuso, tra Qualifiche e Gara quindi, offrendo più possibilità ai team nella gestione delle unità durante il weekend.

Autori: Paolo D’Alessandro & Giuliano Duchessa

Autore

Privacy Policy Cookie Policy