FP3 Ungheria: Hamilton davanti a Red Bull, Norris davanti alle Ferrari

Paolo D’Alessandro
22 Lug, 2023

Condizioni climatiche totalmente differenti da venerdì, caldo e vento che non mettono in difficoltà Max Verstappen, inarrivabile per tutti sul passo gara, ma non a suo agio nel giro secco. Ferrari in difficoltà sul giro veloce, solo settima e ottava, che si è focalizzata maggiormente sul passo gara e studio delle gomme Soft e Media. Miglior tempo firmato da Lewis Hamilton su una Mercedes in netta crescita dopo i problemi accusati ieri.
Se per la gara di domenica i valori in campo sono chiari, rimane ancora un grosso punto di domanda sulle qualifiche che scatteranno alle 16.00.

Splende il sole su Budapest, e sull’Hungaroring.

Red Bull e Mercedes ieri sono apparse un po’ opache e poco brillanti nel venerdì di prove libere. In Ferrari la curiosità è capire se la SF-23 potrà contendersi le prime posizioni o no, sul giro veloce e sul passo gara. A insidiare tutti, una MCL60 rinata e rigenerata, pronta a riassaporare quel dolce gusto di “lottare per qualcosa che conta”. È tanta la curiosità di capire se in queste FP3 verranno scoperte definitivamente le carte, o se si assisterà ancora a prestazioni che ci daranno un quadro incerto in vista della qualifica.

FP3 Ungheria

Bastano pochi minuti a tutti per essere ridimensionati da un Max Verstappen che monta gomma gialla, e sforna un passo gara che definire “extraterrestre” sarebbe riduttivo. Sembra che in casa Red Bull i pochi giri di ieri non siano stati un problema sul setup in ottica gara, ma sul giro secco la RB19 non è ancora ottimizzata.
È simile il programma della scuderia di Maranello, che anch’essa prova uno stint con gomme medie. Rispetto alla RB19 dell’olandese, le due rosse viaggiano a due velocità diverse, regolarmente più lente di più di mezzo secondo, l’unica piccola nota positiva è che le mescole montate dai due ferraristi non fossero nuove e il degrado non è stato troppo marcato. Neanche nel giro veloce, quello che si pensava poter essere un’arma vincente, la Ferrari impressiona, solo settima e ottava a parità di gomme con i competitors.

È Lewis Hamilton a firmare in modo inaspettato la zampata vincente alla fine della sessione rifilando più di due decimi a Max Verstappen. La Mercedes sembra aver trovato la quadra dopo le difficoltà di assetto di ieri, anche nel breve stint finale di passo gara sono ottimi i tempi fatti segnare dai due piloti britannici. Molto bene ancora una volta Lando Norris, quinto ma con gomma Media, ben lontano invece il compagno di squadra, in difficoltà fino ad adesso.

FP3 Ungheria

I distacchi sono minimi, e a far la differenza sembra poter essere il minimo dettaglio, sintomo del fatto che oggi ci si possano aspettare sorprese. Sorprese che possono essere dettate anche dal nuovo format di qualifiche (gomma dura q1, media q2, soft q3). Tutto rimandato alle 16.00, con la speranza per molti di sognare un posto in pole position, laddove negli ultimi cinque appuntamenti è stato affare solo ed unicamente di Max Verstappen

Autore: Luca Vanzini