Francia GP – Prove Libere 2: Verstappen davanti a tutti, Ferrari in lotta con Alpine

Piergiuseppe Donadoni
18 Giu, 2021

Francia GP – Prove Libere: Verstappen davanti a tutti, Ferrari in lotta con Alpine.

La seconda sessione di prove libere riparte come abbiamo visto iniziare quella in mattinata. Tutte le macchine immediatamente in pista. 2 minuti e sono infatti 19 piloti. Solo Leclerc rimane ai box.

Per Ferrari, Mattia Binotto presente in pista anche qui in Francia.

Nel giro di lancio, un tear off si è incastrato nella presa dei freni di Ocon che è costretto a rientrare per temperature dei freni, lato sinistro, oltre l’ideale.

Giro di vite su gomme e ali flessibili. Ecco perché il Gp di Francia può essere una svolta

Gomma Soft per Vettel e Stroll. Hard per Latifi e Alonso. Gomma media per gli altri.

Primo giro per Carlos Sainz, che non si è lanciato bene dovendo far passare una Alpha Tauri all’ultima curva, finisce 11esimo a 2 secondi e mezzo dal miglior tempo fatto segnare da Bottas in 1.32.880.

Bandiera gialla dovuta a Mazepin all’ultima curva. Si gira, tipo Tsunoda in mattinata, andando sul gas mentre passava dietro una Mercedes. Nessun problema.

Charles Leclerc è sceso in pista con gomma Hard. Primo giro lanciato in 1.35.010 a 2 secondi dalla Mercedes di Bottas.

In uscita da curva 2 Verstappen va largo e perde il marciapiede esterno dell’ala anteriore. Errore lì anche per Schumacher che va lungo e rischia di perdere la vettura. Verstappen richiamato ai box per questo problema.

Durante e a fine sessione sentiremo i team radio tra il muretto box RedBull e la FIA per chiedere di rimuovere quei cordoli molto pericolosi e che danneggerebbero un pilota che può andare lungo senza volerlo, come accaduto all’Olandese.

1) Bottas 1.32.880
2) Ham +409
3) Ver +1.002
4) Per +1.245

Questi i primi quattro con poi una classifica corta che vede 7 piloti chiusi in 6 decimi: Ocon Gasly Alonso Leclerc Norris Sainz Ricciardo.

Valtteri Bottas inizia la simulazione qualifica ma non si migliora al primo giro nonostante un Best S1, anzi, il suo tempo peggiora di quasi 4 decimi.

Chiarimenti Pirelli sulle pressioni degli pneumatici: Ferrari contenta

Anche la Aston Martin in pista che si trovava nelle retrovie usando gomma Soft, mentre tutti usavano Hard o Media, torna su usando la mescola a banda gialla infilandosi 9 con Vettel e 11 con Stroll.

Alpine in palla con Ocon che sale al terzo posto della classifica a 9 decimi. Fa poi ancora meglio Fernando Alonso che si porta a mezzo secondo invece da Bottas, 4 decimi davanti ad Ocon.

Curva 11 viene presa molto larga dai piloti ed abbiamo visto Ocon, Vettel e Hamilton andare pesantemente sul cordolo in quel punto della pista. Il pilota della Mercedes si migliora con la Soft, ma rimane secondo dietro Bottas di circa due decimi e mezzo.

Charles Leclerc non riesce a chiudere subito la sua simulazione qualifica abortendo 2 giri, per traffico presumibilmente, rimanendo con il miglior tempo fatto sulle Hard.

Buon giro invece per Carlos Sainz che sale 7 ad 8 decimi da Bottas, vicino a Gasly ed Ocon.

Il miglior giro di giornata sarà di Max Verstappen che chiuderà in 1.32.872, sempre su Soft.

Buon giro per Charles Leclerc che dopo alcuni tentativi riesce a chiudere in 5a posizione, a poco meno di 7 decimi, mettendosi davanti a Gasly, Sainz, Raikkonen e Norris.

Questa è la Top 10 delle simulazione di qualifica. Toccherà poi vedere il passo gara dei vari team. Il primo ad iniziare è Valtteri Bottas, seguito poi da Verstappen, Sainz, le due Aston Martin e Hamilton.

Gomma media per Hamilton, Soft per Bottas. Hard per Alonso e Media per Ocon. Soft per Gasly, Ricciardo e Norris. Media per Sainz, Perez, Vettel e Stroll.

Saranno solamente 4 i giri di Bottas sulla Soft, prima di passare alla gomma Media, come Verstappen. Tempo di attacco in 37.7 per entrambi. Che verrà poi fatto anche da Sergio Perez. 37.9 invece per Lewis Hamilton.

1.38.9 per Alonso con gomma Hard, 1.39.0 per Ocon sulla media, stessa mescola di Sainz che gira in 1.39.1

Gireranno su tempi molto simili Alonso e Leclerc, a parità di mescola, sul 38 basso per qualche giro. Bottas invece riuscirà ed essere costantemente sotto il piede del 1.38.

Verstappen riesce a rimanere vicino a Bottas nel ritmo, Hamilton fa un giro in 37.4 sul finale.

Alonso rimane costante fin quando non incontra il traffico, mostrando una ottima Alpine questo venerdì, con anche buoni riscontri da parte di Ocon. Sainz tempo di attacco sulla soft è di 1.37.9 e poi rimarrà costante per 2 giri sul 1.38.3. Anche Leclerc riuscirà a far segnare un bel tempo, ovvero 1.37.8 su gomma Hard.

RedBull che si dichiara pronta alla battaglia in pista, soprattutto con Max Verstappen.

Valtteri Bottas sembra essere il pilota più in palla quest’oggi. Non si è migliorato con la Soft, quindi quel giro è stato fatto con la media, mentre in simulazione passo gara è stata il migliore.

Hamilton è lì, non convinto a pieno della vettura, ma ne estrae il potenziale. Dietro è bagarre a tutti gli effetti, con Alpine che sembra la scuderia messa meglio quest’oggi. Aston Martin invece attardata, non di molto, ma non ha convinto nel ritmo. Questo potrebbe essere il solito Venerdì della McLaren, non pienamente convincente, ma alla fine è lì con le altre.

Ferrari si aspettava di dover lottare e così sarà. Le prime due file sono lontane per tutti teoricamente, ma poi per i punti che verranno assegnati dal 4 al 10 posto è oggi impossibile fare un pronostico.

Buone prestazioni dell’Alfa Romeo, costantemente in zona punti quest’oggi.

Alpine, Ferrari, McLaren, Alpha Tauri soprattutto con Gasly, Alfa Romeo.

Insomma, non lotteranno per la vittoria e nemmeno per il podio probabilmente ma si preannuncia una sfida tra tutti questi team e tutti questi piloti, sia in qualifica, che in gara, davvero molto interessante.

Lì davanti invece sembra possa essere seriamente una lotta a tre con il Checo Perez che fa vedere dei lampi, ma deve trovare costanza.

Autore: Paolo D’Alessandro

Autore

Privacy Policy Cookie Policy