Horner: “Red Bull molto forte anche senza Newey”

Adam Cooper
12 Mag, 2024

Christian Horner insiste sul fatto che la Red Bull Racing sapeva che sarebbe arrivato il momento per Adrian Newey di lasciare e che la struttura era già pronta per “raccogliere il testimone”. La partenza di Newey è stata confermata poco prima del fine settimana del GP di Miami, e d’ora in poi si concentrerà sulla conclusione del progetto della vettura stradale RB17 prima di lasciare ufficialmente l’organizzazione.

Horner: “Abbiamo una struttura in grado di raccogliere il testimone di Newey”

Ci sono state molte speculazioni sul suo futuro, con la Ferrari come destinazione più probabile, anche se lui insiste che si prenderà una pausa e non ha ancora preso una decisione. “Penso che Adrian abbia deciso che fosse giunto il momento per lui, dopo quasi 35 anni [in F1], con la squadra, la forza e la profondità ingegneristica di cui disponiamo, di farsi da parte”, ha detto Horner. “E sapevamo che il momento sarebbe arrivato. Abbiamo costruito una struttura in grado di raccogliere il testimone e portarlo avanti. Ed è qualcosa che era stato messo in atto negli ultimi cinque o sei anni.”

Horner ha poi negato che il recente conflitto interno alla squadra abbia avuto un ruolo nella decisione di Newey: “Ne ho parlato a lungo con Adrian”, ha detto. “E la posizione di Adrian è molto chiara. Abbiamo avuto un ottimo rapporto e continuiamo ad avercelo. Siamo amici oltre che colleghi di lavoro. E ha fatto tantissimo per questa squadra. Saremo tristi nel vederlo andar via ma ha lasciato la squadra in buona forma. E abbiamo un grande gruppo di persone con la forza e la dedizione necessarie per portarci avanti.” Ha poi proseguito: “Sfortunatamente, nulla è per sempre. Adrian è stato alla Williams per sette anni, è stato alla McLaren per sette anni. E noi siamo riusciti ad avercelo per 18 anni. Quindi penso che ci siamo goduti dei bei momenti, dentro e fuori la pista. È stato un viaggio meraviglioso con lui. È un amico. È il padrino dei miei figli. Rimaniamo amici e colleghi. Penso che siamo ben posizionati per il futuro. E penso anche che nel nostro team tecnico abbiamo sempre saputo che questo giorno sarebbe arrivato. Ed è qualcosa di cui siamo consapevoli dal 2014, quando Adrian era molto vicino a lasciare, che quella struttura è stata costruita.”

Newey

Horner: “Newey verrà a qualche gara ma la sua attenzione è concentrata solo sulla RB17”

Horner ha anche minimizzato la possibilità che Newey alla fine si unisca ad un’altra squadra, suggerendo che non sarebbe facile permetterselo o inserirlo in un’organizzazione: “Adrian penso che si prenderà un po’ di tempo lontano dalla F1”, ha detto. “A 65 anni non puoi biasimarlo; penso che si sia guadagnato questo diritto. Si è guadagnato il diritto di prendersi un po’ di tempo libero. Quindi quello che sceglierà di fare fare dopo, sarà una sua scelta. La F1 è un business molto complicato ora, in particolare con gli elementi del budget cap che devi prendere in considerazione. Devi pensare molto attentamente dove puoi spendere i tuoi finanziamenti, i tuoi budget, quali risorse, dove otterrai il miglior rapporto qualità-prezzo.”

“Penso che, ovviamente, abbiamo avuto una struttura che si è evoluta attorno ad Adrian nel corso degli anni ed è stata in grado di adattarsi al suo modo di lavorare. È l’unico designer in F1 che lavora ancora su un tavolo da disegno. Ma ovviamente, man mano che i regolamenti sono diventati sempre più severi e il ruolo di Adrian si è evoluto e sviluppato all’interno del team negli ultimi anni, altri hanno dovuto farsi avanti. Abbiamo dovuto cambiare ed evolvere il modo in cui lavoriamo, il che è lo stesso in qualsiasi organizzazione. E deve continuare ad evolversi e ad adattarsi. Ed è quello che abbiamo fatto.”

Mentre Newey era al muretto della Red Bull a Miami, Horner sottolinea di aver già fatto un passo indietro rispetto al coinvolgimento diretto nel team di F1: “L’attenzione di Adrian è ora concentrata sulla RB17”, ha affermato. “Non ha partecipato ad alcun briefing durante il fine settimana, a parte quello sulla strategia di gara. Non ha accesso a nessun dato, non sta disegnando alcun componente. La sua attenzione ora è molto concentrata sulla RB17, fino alla fine del suo contratto. Parteciperà ad alcune gare da qui alla fine dell’anno, principalmente dove abbiamo i nostri clienti RB17.”

Privacy Policy Cookie Policy