Indagine Red Bull conclusa, Christian Horner prosciolto

28 Feb, 2024

La stagione Formula 2024 sta per iniziare. Dopo i test le squadre sono rimaste in Bahrain per il primo Gran Premio stagionale, che si svolgerà eccezionalmente di Sabato, con la prima sessione di prove libere che scatterà alle 12 (italiane) del Giovedì. E se in pista c’è una Red Bull che parte con i gradi di favorita, con la ‘rivoluzionata’ RB20, all’interno del team il clima non è quello di una squadra vincente e dominante visto che a poche ore dall’inizio della nuova stagione, uno dei temi principali di discussione è il futuro di Christian Horner.

Il Team Principal è prosciolto dalle accuse di ‘cattiva condotta’

Le accuse di cui è stato protagonista il Team Principal di Milton Keynes hanno portato l’azienda – doverosamente – ad iniziare un indagine per verificare la veridicità e l’eventuale gravità di quanto era emerso. Una situazione spinosa che la Red Bull – lato Formula 1 – ha cercato di non commentare troppo, tranne per qualche dichiarazione di Helmut Marko che non ha dato il suo chiaro appoggio a Christian Horner, augurandosi solo di arrivare ad una conclusione rapida della vicenda. All’interno del team oramai da tempo è in atto un gioco di potere che si è inasprito con l’arrivo della nuova proprietà e la divisione in due entità ben precise. La parte thailandese supporta Christian Horner e il suo operato svolto con successo fino ad oggi; dall’altra la casa madre austriaca appoggia maggiormente la visione di Helmut Marko, il quale gode anche dell’importante sponsor Max Verstappen.

Horner

La situazione ha scomodato ed infastidito anche Ford, il colosso motoristico che da poco ha siglato una partnership con Red Bull in vista del nuovo ciclo regolamentare che partirà dal 2026. Il CEO Jim Farley ha fatto intendere il suo disappunto, tramite una lettera, ritenendo la vicenda “poco chiara” e lamentando la mancanza di comunicazione da parte della stessa Red Bull nei confronti di Ford, spingendo anche da parte loro ad una conclusione veloce della vicenda, chiarendo ogni aspetto riguardo le accuse mosse verso Christian Horner.

Red Bull ha assunto dei legali esterni per accertare le gravi accuse nei confronti di Christian Horner e con l’indagine terminata nel weekend si è giunti ad una conclusione che ha visto il Team Principal inglese prosciolto da ogni capo d’accusa a lui imputato. Horner è in viaggio per il Bahrain ed arriverà oggi stesso. La sua presenza è fissata anche per una conferenza stampa, canonica, post gara al Sabato; un piano che può comunque essere cambiato in ogni caso.

Comunicato ufficiale Red Bull

“L’indagine indipendente sulle accuse mosse contro il signor Horner è completa e la Red Bull può confermare che la denuncia è stata respinta. Il denunciante ha diritto di ricorso. La Red Bull è fiduciosa che l’indagine sia stata giusta, rigorosa e imparziale. Il rapporto dell’indagine è confidenziale e contiene le informazioni private delle parti e dei terzi che hanno collaborato alle indagini, pertanto non commenteremo ulteriormente per rispetto di tutti gli interessati. Red Bull continuerà a impegnarsi per soddisfare i più alti standard sul posto di lavoro”

Autore: Paolo D’Alessandro, Giuliano Duchessa & Piergiuseppe Donadoni