Kick Sauber: “Lavorato giorno e notte per risolvere i problemi ai pit-stop”

Luca Manacorda
3 Apr, 2024

Lo Stake F1 Team Kick Sauber arriva a Suzuka con la voglia di riscattarsi dopo un avvio di campionato davvero frustrante. La scuderia svizzera ha incontrato numerosi problemi nei pit-stop che hanno vanificato il risultato dei weekend di gara e per questo ha lavorato duramente nella pausa tra il GP Australia e il GP Giappone per evitare che si possano nuovamente ripetere certe situazioni spiacevoli.

Alunni Bravi: “A Suzuka porteremo alcuni aggiornamenti”

A fare il punto della situazione è il team principal della Sauber, Alessandro Alunni Bravi, il quale dopo la gara di Melbourne si era scusato con i suoi piloti per i problemi emersi nei cambi gomme: “Non abbassiamo la testa, perché sappiamo che possiamo dare una svolta a questa situazione. Ci dirigiamo in Giappone con l’obiettivo di voltare pagina dopo un paio di gare difficili e di sfruttare il ritmo incoraggiante mostrato durante gli eventi precedenti per arrivare finalmente dove il nostro potenziale merita. Alla base di Hinwil si è lavorato giorno e notte per risolvere i problemi relativi al pit-stop“. Per cercare di conquistare i primi punti del 2024, la Sauber porterà a Suzuka alcuni aggiornamenti della C44: “L’aspetto positivo è che abbiamo avuto le prestazioni necessarie per essere davanti ai nostri diretti concorrenti a Melbourne, come abbiamo fatto nelle gare precedenti, ed è su questo che costruiremo questa settimana – ha sottolineato Alunni Bravi – Oltre a ciò, porteremo anche alcuni aggiornamenti, frutto del duro lavoro della nostra squadra a casa, che speriamo ci permettano di fare un altro passo avanti e conquistare i nostri primi punti della stagione“.

Bottas (Sauber)

Valtteri Bottas, Kick Sauber F1 Team C44 ; 2024 Australian Grand Prix, Formula One World Championship

Valtteri Bottas: “Una nuova opportunità per rialzarci”

Dal passo gara mostrato dalla Sauber C44 all’Albert Park riparte anche Valtteri Bottas, convinto che la vettura abbia il potenziale per conquistare i primi punti dell’anno: “Guardando all’Australia, non è mai bello tornare a mani vuote da una gara, soprattutto perché stavamo mostrando il vero potenziale e avremmo potuto segnare dei bei punti. In ogni caso, ormai questo è passato e abbiamo una nuova opportunità per rimetterci in piedi questo fine settimana, soprattutto perché il nostro passo gara era davvero incoraggiante. Siamo anche pronti a portare nuovi aggiornamenti, quindi non vedo l’ora di tornare in pista e fare un passo avanti più grande“. Anche Guanyu Zhou è convinto che con una gara pulita la top10 sia un risultato raggiungibile dalla Sauber. Il cinese, che in Bahrain chiuse all’undicesimo posto, ha sottolineato l’importanza di una bella qualifica a Suzuka: “Ci siamo riorganizzati come squadra e ora siamo motivati a riprenderci. Il ritmo di gara che abbiamo mostrato in Australia sembrava piuttosto competitivo e sono ansioso di lavorare per ottenere ancora il massimo dalla nostra vettura. Se riusciremo a qualificarci in posizioni favorevoli sulla griglia e ad ottenere una partenza pulita, avremo la possibilità di avanzare e puntare ai punti“.