McLaren: la MCL38 aggiornata va forte anche a Imola

Paolo D’Alessandro, Andrea Vergani
17 Mag, 2024

Segnali positivi nella prima giornata di Imola per la McLaren. Il team Papaya è atteso da un importante appuntamento che dovrà confermare i progressi fatti a Miami e mettere la MCL38 nuovamente tra le favorite per la gara. Il miglior tempo è stato fatto siglare da Charles Leclerc con la Ferrari SF-24 aggiornata, ma ci sono parecchi segnali positivi che fanno capire come il team di Woking sarà sicuramente della partita. Qui anche Oscar Piastri gode delle ultime novità introdotte dalla squadra di Andrea Stella, disponendo così della stessa fornitura di Lando Norris. Se i riscontri parlano di un miglior tempo fatto da Ferrari, Lando Norris sa bene che il suo giro non ultimato era quanto meno a livello di quello di Charles Leclerc.

Venerdì di prove per confermare i progressi di Miami

Il programma di lavoro McLaren ha previsto un iniziale raccolta dati, comprensivo di rastrelli montati in FP2 e di Flow Viz apparsa durante la giornata lungo tutta la fiancata della MCL38 per esaminare l’andamento dei flussi lungo la vettura. “A causa della Sprint non abbiamo avuto il tempo sufficiente per eseguire tutte le procedure necessarie. La buona notizia è che tutto sembra andare secondo le aspettative ha commentato a fine giornata il Team Principal, Andrea Stella. Il Venerdì non è filato tutto liscio a causa di un piccolo problema elettronico sulla vettura di Norris, però prontamente risolto senza privare l’inglese di troppo tempo in pista. “Il programma è stato più complicato di quanto sperassimo a causa di alcuni problemi, ma la macchina si è comportata bene ed abbiamo apportato modifiche durante il giorno che hanno funzionato. Qualche altro piccola modifica per domani e penso potremo avere una bella giornata” ha commentato lo stesso Lando Norris.

 

La McLaren MCL38 ha confermato di aver fatto uno step in termini di efficienza aerodinamica: le novità di Miami hanno aggiunto carico aerodinamico ma al contempo migliorato la resistenza all’avanzamento, concedendo ai tecnici di Woking anche impostazioni più scariche in fatto di ali, guadagnando velocità sul rettilineo. Ad Imola i primi riscontri parlano di una MCL38 competitiva alle basse e medio velocità e con una buona velocità sul rettilineo, mentre è sembrata più in difficoltà nella zona della Piratella, una delle curve veloci dell’Enzo e Dino Ferrari. Lì il riferimento è stata la Ferrari, con un livello di carico molto alto. Sul passo gara si è vista poi una McLaren molto competitiva, sia con Norris che con Piastri, con tempi competitivi ed una costanza incredibile nei tempi sia con la mescola più dura (C3) utilizzata dall’australiano che con la media (C4) testata invece dall’inglese. Non sorprende quindi la positività in casa McLaren espressa anche da Piastri Forse uno dei nostri venerdì migliori. Siamo tutti vicini, quindi vediamo se troviamo qualcosa per domani, ma è stata una giornata incoraggiante. Il team ha fatto un buon lavoro portando gli aggiornamenti anche alla mia macchina, li ringrazio”. Andrea Stella ha sottolineato quanto anche altri team siano vicini ma “se i nostri piloti sono contenti, siamo in una buona posizione per il fine settimana”

Autori

Privacy Policy Cookie Policy