Mercedes, Toto Wolff conferma altri sviluppi a Montreal e Barcellona

Luca Manacorda
6 Giu, 2024

Il GP Canada dovrà fornire risposte importanti alla Mercedes, impegnata in un difficile inseguimento nei confronti dei tre top team che si sono spartiti le vittorie nelle gare disputate nel mese di maggio, ossia McLaren, Red Bull e Ferrari in rigoroso ordine cronologico. Sul circuito di Montreal la scuderia guidata da Toto Wolff proseguirà a portare aggiornamenti sulla W15 e in particolare si punterà sulla nuova ala anteriore che a Monte Carlo aveva debuttato solo sulla monoposto di George Russell.

Wolff: “Notevoli progressi, anche se non ancora in termini di posizioni”

Nel GP Monaco la Mercedes è riuscita a battere la Red Bull e questo è servito da incoraggiamento per il team della casa di Stoccarda, convinto di aver imboccato la strada giusta nello sviluppo della monoposto. I primi segnali positivi si erano già registrati nel weekend di Imola, quando il direttore tecnico James Allison aveva quantificato il progresso della W15 in “uno o due decimi nel confronto con i primi“. La scuderia prevede di portare continui aggiornamenti a ogni gara e dopo Monte Carlo era arrivata un’ulteriore conferma da parte di Wolff: “In Canada porteremo delle novità, così come a Barcellona, provando ad estrarre ulteriore prestazione dalla macchina“.

Parlando del momento della Mercedes, il manager austriaco ha dichiarato: “Abbiamo avuto un fine settimana incoraggiante a Monaco. Abbiamo continuato a fare notevoli progressi con la nostra vettura, migliorandone il bilanciamento generale e facendo un passo avanti verso chi ci precedeva. Questi progressi non si vedono ancora in termini di posizioni, ma sappiamo che se riusciremo a continuare a colmare il divario rispetto alle vetture più veloci, lo faremo a tempo debito“.

Attesi passi in avanti maggiori grazie alla nuova ala anteriore

Come detto, in Canada sia George Russell che Lewis Hamilton avranno la nuova ala anteriore montata sulla loro monoposto. Questa novità, che in realtà rappresenta un ritorno al recente passato rispetto alla discussa specifica che aveva esordito nei test in Bahrain, sta andando una mano nel risolvere i problemi di bilanciamento tra tratti lenti e veloci che hanno condizionato le prestazioni della Mercedes nella prima parte di stagione.

Ala ant. Mercedes

A Monte Carlo, su di un circuito che da questo punto di vista non era particolarmente critico data l’assenza di tratti davvero veloci, il team ha comunque avuto riscontri positivi. Wolff ha spiegato: “Entrambi i piloti avranno l’ala anteriore aggiornata in Canada, oltre ad altri elementi di sviluppo per questo evento. Ha offerto un piccolo guadagno di tempo sul giro nelle strade strette del Principato e dovrebbe offrire maggiori vantaggi sui prossimi circuiti. Detto questo, lo scenario nelle posizioni di testa è incredibilmente competitivo. Lo schieramento si è compresso e sappiamo che altri continueranno a migliorare. Dovremo continuare a lavorare duro e diligentemente per inserirci nella mischia“.

Seppur con tratti in cui si toccano velocità di punta molto elevate, il GP Canada si disputa su un circuito ancora piuttosto anomalo: “Il Circuit Gilles Villeneuve offre un mix di curve a bassa velocità e rettilinei ad alta velocità che rendono le gare fantastiche” ha sottolineato Wolff. Non si tratterà ancora della prova del nove per gli aggiornamenti Mercedes, ma altri riscontri positivi saranno fondamentali per confermare quell’ottimismo espresso da James Allison e sottolineato anche da Hamilton nel weekend di Imola: “Penso che McLaren abbia dimostrato che è possibile colmare il divario se il lavoro è svolto correttamente. Questo è ciò che ci ha ispirato. C’era molto ottimismo da parte di James riguardo agli aggiornamenti che arriveranno più avanti nella stagione“.

Autore

Privacy Policy Cookie Policy