Safety Car sfortunata per Norris? Stella spiega la strategia McLaren

Adam Cooper
10 Giu, 2024

Il capo della McLaren F1, Andrea Stella, afferma che Lando Norris è stato sfortunato a mancare l’ingresso ai box sotto la safety car nel GP del Canada per soli 1,5 secondi. Stella ammette anche che la squadra avrebbe potuto fare un lavoro migliore tenendo informato il proprio pilota su cosa fare. In quello che è stato in effetti il ​​contrario di quanto accaduto a Miami, il leader della corsa Norris ha mancato di poco l’ingresso ai box quando è stata chiamata la Safety Car dopo l’incidente di Logan Sargeant.

Le vetture immediatamente dietro sono riuscite a fermarsi e montare gomme nuove prima di un previsto acquazzone. Quando Norris è uscito dopo essersi fermato ai box nel giro successivo, era terzo, dietro Max Verstappen – che ha perso a Miami – e George Russell. Dopo una gara movimentata, Norris alla fine è riuscito a finire davanti a Russell al secondo posto, ma la mancata possibilità di rientrare ai box ha reso il suo pomeriggio molto più difficile. “Sembra che fosse a un secondo e mezzo dai box, dalla linea in cui dovevi girare o andare dritto”, ha detto Stella. “Con il senno di poi, avremmo potuto dire al pilota “in caso di ingresso della safety car”, quindi avrebbe reagito immediatamente al pit-stop. Ma stavamo monitorando l’intensità della pioggia, e questa intensità, negli ultimi minuti, si stava riducendo, quindi non volevamo fermarci inutilmente ai box per un nuovo set di inter quando questo set di inter avrebbe potuto essere buono sufficiente in caso di pioggia molto leggera.”

“Penso che fosse molto più facile per la macchina dietro fare il contrario, ad esempio, come ha fatto Lando. Penso che sia stato un po’ sfortunato, non solo per quanto riguarda il momento in cui è entrata la safety car, rispetto alla posizione di Lando in pista, ma anche per il tempo della safety car in gara, perché in quel momento Lando era di gran lunga la vettura più veloce in pista.” Per quanto riguarda il ritmo sostenuto di Norris prima della safety car, quando ha aperto un vantaggio su Verstappen, Il Team Principal McLaren ha detto che la gestione delle intermedie nella fase iniziale ha dato i suoi frutti. “Sapevamo che non sarebbe stato facile sopravvivere alla pioggia, prevista inizialmente intorno al 30° giro”, ha detto Stella. “Sarebbe stato difficile per questi pneumatici intermedi sopravvivere così a lungo. Quindi, poiché non avevamo pressione, abbiamo iniziato a risparmiare le gomme molto, molto presto, anche quando non era necessario, cercando di trovare zone fredde o bagnate per assicurarci che le gomme rimanessero in buone condizioni per quando la pista sarebbe stata più impegnativa. Quindi penso che non ci sia magia. La posizione nel primo stint ci ha permesso di applicare questa strategia senza perdite, perché non avevamo pressione da dietro.”

Dopo aver perso la prima Safety Car, la McLaren ha cercato di riguadagnare il vantaggio tenendo fuori Norris mentre la pista si asciugava e le vetture iniziavano ad utilizzare le slick, dato che il suo ritmo era ancora buono con le sue vecchie inter. Alla fine è entrato per le slick un giro dopo che Verstappen e Russell si erano fermati. È uscito proprio davanti al pilota della Red Bull, ma sulla linea bagnata, e quindi non è riuscito a stare davanti. Stella ritiene che senza la prima Safety Car Norris avrebbe potuto creare un varco e poi provare ad arrivare alla fine con una sola sosta direttamente con le slick. Tuttavia ha riconosciuto che la Mercedes aveva un passo migliore con le gomme da asciutto rispetto alla McLaren. “Penso che la Mercedes avrebbe dovuto finire davanti a Lando oggi”, ha detto. “Quindi, semmai, abbiamo massimizzato ciò che era disponibile dopo la safety car. Senza la safety car quindi penso che Lando avrebbe potuto accumulare un vantaggio così grande che poi avremmo potuto provare ad arrivare alla fine con le gomme da asciutto, ma penso che la Mercedes avrebbe potuto recuperare perché erano a pochi decimi di un secondo più veloce di noi oggi. Quindi avevamo davvero bisogno di un discreto vantaggio per arrivare sani e salvi alla fine. Ma ovviamente questo è un po’ accademico, perché in una gara come questa, due o tre safety car, devi presumere che accadranno. E anche il tempo era buono. Quindi sapevamo che sarebbe stata una gara decisa da vari scenari. E alla fine, penso che siamo soddisfatti dei risultati.”

Autore

Privacy Policy Cookie Policy