Sainz e Leclerc in pista la prossima settimana sulla SF71H

Piergiuseppe Donadoni
21 Gen, 2021

C’è grande attesa da parte di tutti gli appassionati per l’esordio di Carlos Sainz al volante di una rossa. Lo spagnolo, che dalla prossima stagione sarà compagno di squadra di Charles Leclerc, prima di Natale aveva già avuto un primo approccio con la squadra del Cavallino, facendo il sedile e chiacchierando un po’ con il suo nuovo team.

Dopo aver festeggiato il Natale e l’avvento dell’anno nuovo, la scorsa settimana è tornato a Maranello per iniziare a dare un suo contributo quotidiano al lavoro in fabbrica in particolare al simulatore.

Complice anche la richiesta bocciata dalla FIA di prendere parte ai test di Abu Dhabi dello scorso dicembre, e la riduzione dei test ufficiali della F1 a soli tre giorni, dal 12 al 14 marzo in Bahrain, la Ferrari sta organizzando una due giorni di test privati sul circuito di Fiorano per la prossima settimana dove scenderanno in pista entrambi i piloti.

26, 27 e 28 gennaio, con le ultime due più probabili, ma con dei “se”: innanzitutto sarà importante valutare le condizioni metereologiche e soprattutto se Charles Leclerc sarà guarito dall’infezione di coronavirus.

Il duo guiderà la vettura 2018, poiché già pienamente allestita per il test del Mugello dello scorso giugno 2020, anche se avrebbe potuto scendere in pista anche con la SF90.

Per chiudere, una curiosità sul nuovissimo progetto 2022. A Maranello ordinano da sempre in maniera crescente i numeri di progetto delle vetture di F1.

Al di là del nome ufficiale delle monoposto, la sigla interna, cioè quella utilizzata in fabbrica è proprio quel numero. In sostanza quando si apre la cartella del progetto, automaticamente viene assegnato. Di solito succede molto presto nei top team, diciamo marzo o aprile dell’anno precedente. Ma nel 2020, in vista del corposo cambio regolamentare anche prima, Ferrari aveva aperto il progetto 672. Poi c’è stato il congelamento, o meglio la scelta di ritardare al 2022 i nuovi regolamenti, causa pandemia. Con anche il progetto stesso forzatamente congelato a causa delle scelte Fia (si poteva tornare al lavoro dal 1° gennaio 2021).

Stando alle info raccolte da Formu1a.uno la monoposto 2022 è già stata (ri)nominata internamente 674, abbandonando il 672 di un anno fa.

Autore: Giuliano Duchessa

Co Autore: Piergiuseppe Donadoni

Autore

Privacy Policy Cookie Policy